Ultimo numero

Il Cantonetto, dicembre 2018, N. 2
 

Il secondo numero dell’annata 2018 costituisce un fascicolo monografico speciale – che ha preso mole di libro, 196 pagine – dedicato allo scrittore ticinese Giovanni Orelli (1928-2016) nel secondo anniversario della scomparsa. Il volume accoglie numerosi contributi di studiosi e specialisti che si sono chinati su vari aspetti dell’attività dell’intellettuale ticinese. I testi rinviano alle molteplici forme espressive di Orelli: dalla narrativa alla poesia, dalla critica letteraria alla saggistica, all’attività di docente e di divulgatore giornalistico, radiofonico e televisivo. L’opera è arricchita da uno straordinario apparato illustrativo, una sorta di biografia per immagini con le tappe salienti della sua carriera operosa di scrittore e intellettuale. Il lettore sarà tra l’altro affascinato dalla raccolta di fotografie d’epoca con il villaggio di Bedretto sepolto sotto la neve nel lungo inverno del 1951, luogo e epoca di ambientazione del più celebre romanzo di Orelli, L’anno della valanga (1965). Ad accompagnare la raccolta dei saggi critici è uno speciale inserto, in cui si raccoglie il contributo in ricordo di un compagno di via da parte di dieci poeti e un artista. Chiude il volume l’abituale nutrita sezione di recensioni librarie.

 

 

SOMMARIO

 

CARLO AGLIATI, Per Johannes, p. 1

PAOLO DI STEFANO, Parole vivacissime e “allegre”, p. 4

ANDREA KERBAKER, Il milanese Premio Bagutta, p. 7

ANNAROSA ZWEIFEL AZZONE, La malinconia del traduttore, p. 10

DONATA BERRA, Mittente: Giovanni Orelli, p. 12

FABIO PUSTERLA, Una testimonianza per Giovanni Orelli, p. 15

GERTRUD LEUTENEGGER, Il pianoforte sullo Schillerstein, p. 18

GIAMPAOLO CEREGHETTI, Giovanni Orelli insegnante, p. 19

GIANCARLO REGGI, Un inedito di Mauro Patocchi per Giovanni Orelli, p. 29

ALESSANDRO MARTINI, Giovanni Orelli e Plinio Martini. Contatti epistolari e occasioni di confronto, p. 39.  

FABIO SOLDINI, Retroscena editoriali de 'L'anno della valanga' di Giovanni Orelli, p. 52.  

Dieci poeti e un artista in ricordo di un compagno di via (PIETRO DE MARCHI, AURELIO BULETTI, GILBERTO ISELLA, ALIDA AIRAGHI, UGO PETRINI, CHANDRA LIVIA CANDIANI, FABIO PUSTERLA, ANTONIO ROSSI, ALBERTO NESSI, PIERGIORGIO MORGANTINI, SAM GABAI), p. 73

GIORGIO ORELLI, L’opera prima di un ticinese. ‘L’anno della valanga’ di Giovanni Orelli, p. 89

GIUSEPPE CURONICI, I campi semantici di Walacek, p. 107

GILBERTO ISELLA, La vecchiaia, la memoria e il bandolo dell’Eros. Nota su ‘I mirtilli del Moléson’, p. 114

PIETRO DE MARCHI, Una teoria dell’amore nei 'Mirtilli del Moléson' di Giovanni Orelli, p. 118

CHRISTIAN GENETELLI, Due o tre cose su Giovanni Orelli poeta, p. 122

STEFANO BARELLI, Il Catullo di Giorgio e di Giovanni Orelli, p. 127

DANILO BARATTI, Questo, o forse altro. Note su una trasmissione culturale della TSI, p. 135

FLAVIO CATENAZZI, Giovanni Orelli legge Angelo Casè, p. 142

MATTEO M. PEDRONI, L’ordine e la fuga. Per Giovanni Orelli, critico militante, p. 147

ANNETTA GANZONI, Il fondo di Giovanni Orelli nell’Archivio svizzero di letteratura, p. 155

MARIA CRISTINA CABANI e FRANCESCO BRANCATI, 25 ottave per piccola osteria degli anni Trenta con piccolo elogio di Grammatica, p. 161

GIOVANNA CORDIBELLA, Orelli e il teatro radiofonico. Nota a ‘Il catenaccio di Saragozza’, p. 169

Libreria (recensioni di SARO FRENI, PASQUALE GENASCI, ANGELO ROSSI, ALESSANDRO RATTI, LUCA SALTINI, STEFANIA BIANCHI, EDOARDO AGUSTONI, LUCA MONTAGNER, FRANCO CELIO), p. 182